Piano Nazionale scuola digitale

Print Friendly, PDF & Email

sd-box-pnsdÈ un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione e digitalizzazione, come previsto nella riforma della Scuola approvata con la Legge 107/2015 – “La Buona Scuola”.
Il documento ha funzione di indirizzo; punta a introdurre le nuove tecnologie nelle scuole, a diffondere l’idea di apprendimento permanente (life-long learning) e ad estendere il concetto di scuola da luogo fisico a spazi di apprendimento virtuali.
Le azioni previste nel piano si articolano in quattro ambiti fondamentali:
1 Strumenti     2 Competenze   3 Formazione      4 Accompagnare verso l’innovazione.

 

Presentazione del PNSD IC Gemona al Collegio Docenti del 26.01.2016

Verbale selezione docenti per corsi PNSD

Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) del 27-10-2015 è il documento attuativo della legge 107/2015 in cui si rende operativa l’idea che definisce la sfera delle competenze digitali in termini di nuova “alfabetizzazione di base”, come il “leggere” o il “far di conto”, necessaria per lo sviluppo delle competenze e delle attitudini dei ragazzi anche in chiave di pieno esercizio della cittadinanza attiva.

Il Piano parte da un’idea rinnovata di scuola, intesa come spazio aperto per l’apprendimento e non unicamente luogo fisico, e come piattaforma che metta gli studenti nelle condizioni di sviluppare le competenze per la vita. In questo paradigma, le tecnologie diventano abilitanti, quotidiane, ordinarie, al servizio dell’attività scolastica, in primis le attività orientate alla formazione e all’apprendimento, ma anche l’amministrazione, contaminando – e di fatto ricongiungendoli – tutti gli ambienti della scuola: classi, ambienti comuni, spazi laboratoriali, spazi individuali e spazi informali. Con ricadute estese al territorio.

Il Piano sarà attuato da qui al 2020 e prevede 35 azioni con l’impiego di più fonti di risorse, a partire dai Fondi Strutturali Europei (PON Istruzione 2014-2020) e dai fondi della legge 107/2015 (La Buona Scuola).

Le azioni previste si articolano nei cinque ambiti fondamentali: strumenti, competenze, contenuti, formazione, misure di accompagnamento.

Il nostro Istituto promuove la formazione dei docenti per l’innovazione didattica e sviluppo della cultura digitale per l’insegnamento, l’apprendimento e la formazione delle competenze cognitive e sociali degli alunni.

Come previsto dal PNSD è stata individuata e nominata l’animatrice digitale Elena Mattiussi che coordina la diffusione dell’innovazione e le attività del PNSD previste nel Piano triennale dell’offerta formativa. Affiancata dal Team per l’Innovazione Digitale composto da Sandra Fabiani, Sabrina Monai e Roberto Serafini, ha la funzione di:

  • stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l’organizzazione di laboratori formativi, favorendo il coinvolgimento e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi;
  • favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli alunni nell’organizzazione di workshop e altre attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa;
  • individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa.

Le Reti di scuole, Rete Sbilf di cui l’Istituto è capofila, CollinRete e il Polo Formativo FVG, avranno un ruolo decisivo nella diffusione e condivisione di buone pratiche innovative, nell’organizzazione di attività formative e di azioni volte a colmare il divario digitale.

Il nostro Istituto ritiene decisivi e degni di particolare attenzione i seguenti obiettivi messi in evidenza dal PNSD:

  • costruzione e sviluppo di una cittadinanza digitale consapevole;
  • costruzione di curricoli digitali e per il digitale;
  • collaborazione e comunicazione in rete: dalle piattaforme digitali scolastiche alle comunità virtuali di pratica e di ricerca;
  • coordinamento delle iniziative digitali per l’inclusione;
  • sperimentazione e diffusione di metodologie e processi di didattica attiva e collaborativa;
  • realizzazione di programmi formativi sul digitale a favore di studenti, docenti, famiglie, comunità;
  • realizzazione del sito della scuola con aree riservate per gli insegnanti;
  • educazione ai media e ai social network anche mediante l’uso di classi virtuali (es. Edmodo);
  • creazione di ambienti di apprendimento innovativi e flessibili (atelier);
  • adozione del registro elettronico in tutte le scuole Primarie e Secondarie e apertura di alcune funzionalità alle famiglie;
  • uso di  strumenti di comunicazione con le famiglie di tipo digitale anche mediante il sito rinnovato;
  • adozione della piattaforma G Suite for Education per favorire lo sviluppo di una cultura della condivisione e della collaborazione all’interno della scuola;
  • promozione di iniziative di formazione per i docenti in modalità blended con l’utilizzo della piattaforma Moodle.

Il piano delle attività previste per il triennio 2015-16, 2016-17 e 2017-18 comprende i progetti della Rete Sbilf, CollinRete, le iniziative del Polo Formativo FVG, dell’Ambito territoriale 007 FVG, del progetto Indire Piccole Scuole e i bandi PON.

In sintesi:

Ambito

Piano Triennale delle attività

Formazione interna

  1. Somministrazione di un questionario informativo/valutativo per la rilevazione delle conoscenze/competenze/tecnologie/aspettative in possesso dei docenti e degli alunni per l’individuazione dei bisogni sui 3 ambiti del  PNSD (strumenti, curricolo, formazione).
  2. Pubblicizzazione (diffusione) e socializzazione delle finalità del PNSD.
  3. Promozione iniziative rivolte ai docenti per lo sviluppo e la diffusione del pensiero computazionale.
  4. Promozione e organizzazione nell’istituto o in rete di iniziative di formazione in modalità blended, webinar, ecc. sulle metodologie, sugli strumenti e sull’utilizzo degli ambienti di apprendimento, App Edu, risorse web per la didattica digitale e la didattica inclusiva.
  5. Organizzazione e promozione delle iniziative relative ai progetti Sbilf, Metin Sot Sore, Piccole Scuole, PON, Erasmus Plus.
  6. Formazione sull’uso del registro elettronico.
  7. Segnalazioni di bandi e opportunità formative in ambito digitale.
  8. Partecipazione alla formazione specifica per AD e Team.
  9. Partecipazione a comunità di pratica in rete con altri aAD e Team del territorio e con  la rete nazionale.

Coinvolgimento della comunità scolastica

  1. Creazione sul sito istituzionale della scuola e rete di uno spazio dedicato al  PNSD per informare sul piano e sulle iniziative in atto.
  2. Partecipazione nell’ambito del progetto “Programma il futuro” all’ora di coding attraverso la realizzazione di laboratori di coding anche aperti a famiglie e territorio.
  3. Coordinamento in rete delle iniziative digitali per l’inclusione.
  4. Implementazione degli spazi web specifici di documentazione e diffusione delle azioni relative al PNSD.
  5. Promozione di iniziative per la realizzazione da parte di docenti e studenti di prodotti multimediali utili alla didattica e alla documentazione di eventi/progetti. (vedi progetti Sbilf, Metin Sot Sore, Piccole Scuole, PON, Erasmus+).
  6. Partecipazione a bandi nazionali, europei ed internazionali sulla base delle azioni del PNSD.
  7. Supporto didattico e tecnologico ai docenti e alle classi.
  8. Progetto Responsabili in classe e on-line: strategie e percorsi per prevenire il bullismo e il cyberbullismo

L’IC di Gemona è scuola capofila del progetto per le province di Udine e Pordenone. Incontri di sensibilizzazione e formazione rivolti ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado e ai genitori, incontri laboratoriali nelle classi.
Sito web in costruzione: www.responsabilionline-fvg.it

Creazione di soluzioni innovative

  1. Revisione e integrazione, della rete wi-fi di Istituto mediante la partecipazione a progetti PON.
  2. Adozione del registro elettronico in tutte le classi.
  3. Ricognizione e mappatura delle attrezzature presenti nella scuola.
  4. Regolamentazione dell’uso di tutte le attrezzature della scuola (aula informatica, aula polifunzionale, LIM, computer portatili, computer fissi, tablet).
  5. Revisione del regolamento d’istituto sull’uso dei device personali.
  6. Aggiornamento del curricolo verticale per la costruzione di competenze digitali, soprattutto trasversali o calati nelle discipline.
  7. Aggiornamento del curricolo di Tecnologia nella scuola. (cfr. azione #18 del PNSD).
  8. Educazione ai media e ai Social Network. Progetto Responsabili in classe e on-line: strategie e percorsi per prevenire il bullismo e il cyberbullismo.

L’IC di Gemona è scuola capofila del progetto per le province di Udine e Pordenone. Incontri di sensibilizzazione e formazione rivolti ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, incontri di sensibilizzazione rivolti ai genitori, incontri laboratoriali nelle classi.

  1. Progetto SIC (Safer Internet Centre) – Generazioni Connesse dedicato ad un uso sicuro e consapevole di Internet e Nuovi Media.
  2. Utilizzo di classi virtuali (community, classroom) e altre risorse web per la partecipazione a progetti Sbilf, Piccole Scuole, PON, Erasmus+.
  3. Partecipazione ai bandi PON 2014-2020,
    1. LAN-WLAN Asse II (FESR) (Progetto presentato, finanziato e realizzato)
    2. Ambienti digitali Asse II (FESR) (Progetto presentato, finanziato e realizzato)
    3. Cittadinanza e creatività digitale Asse I (FSE) (Progetto presentato)
  4. Partecipazione a progetti e bandi del PNSD:
    1. #lamiascuolaaccogliente,
    2. Atelier Creativi – Azione #7
    3. Biblioteche Innovative – Azione #24
    4. #iMiei10Libri – Azione #24
  5. Adesione al Digital Storytelling Lab (DSL) – Laboratorio della Narrazione digitale e multimediale
  6. Patto di comunità per il digitale. Gruppo di lavoro con insegnanti, genitori, associazioni e comunità educante per la predisposizione di linee guida per l’utilizzo sicuro e responsabile di smartphone e dispositivi digitali da parte dei minori.
  7. Serate rivolte ai genitori “Cyberbullismo e altre sfide: regole e strategie per accompagnare i propri figli nell’uso corretto di Internet e smartphone